Piccola Guida di Cairns

Cairns è l’Australia come te la immagini: soleggiata e rilassante.

Partendo dall’Italia ad agosto, con un caldo torrido, arrivare nel Sud dell’Australia dove è pieno inverno rappresenta un vero shock termico. Invece atterrare a Cairns è come ritornare all’inizio dell’estate, con le giornate calde ma non umide e le serate fresche.

10 - Cairns_846
Il mare da Cairns – Queensland

Cairns si trova nella parte nord del Queensland e l’atmosfera è tropicale. Il centro di Cairns non è costituito da una piazza ma da una enorme piscina pubblica che loro chiamano “Lagoon” situata sull’Esplanade. In effetti Cairns si affaccia sul mare che però qui è piuttosto limaccioso e non balneabile. Per questo motivo è stato creato un bellissimo lungo mare, super-attrezzato con aree pic-nic con tanto di cucine, aree gioco, palestre all’aperto, percorsi benessere, e tanto tanto verde. Il punto centrale è proprio la laguna dove ciascuno può prendere il sole o bagnarsi in assoluta libertà. Inutile dire che è tutto pulitissimo, ordinatissimo e in perfette condizioni.

10 - Cairns_850
Lagoon, Esplanade di Cairns – Queensland

Il momento migliore per una passeggiata è la sera prima di cena, quando i locali, usciti dal lavoro, vanno a fare il bagno, jogging o qualche attività sportiva di gruppo o magari un semplice barbecue. Qui si ha proprio il senso dell’Australian Way of Life: persone semplici, che amano la natura, la vita all’aria aperta, che lavorano, ma che sanno anche divertirsi e godersi la vita.

Sulla strada costiera si affacciano innumerevoli bar, ristoranti e locali per trascorrere piacevolmente la serata.

Cairns è una città molto carina e piacevole, anche se normalmente viene utilizzata più che altro come punto di partenza per le escursioni in zona. Da qui si accede con gite di uno o più giorni alla barriera corallina e alla vicina foresta pluviale.

10 - Cairns_848
Lagoon, Esplanade di Cairns – Queensland

Perché scegliere Cairns

Sono stata in dubbio per diverso tempo, volendo trascorrere alcuni giorni in questa regione, se pernottare a Cairns o in una località sulla costa come Port Douglas.

Alla fine ho optato per Cairns e ne sono rimasta soddisfatta.

Port Douglas è una località piuttosto esclusiva e, quindi, i prezzi sono piuttosto alti. E’ molto estesa e per muoversi occorre avere l’auto, non proprio quello che ci si aspetta per una località balneare. Infine, la sua famosa e bellissima spiaggia è costellata di cartelli di attenzione ai coccodrilli estuarini, quelli di acqua salata per intenderci, più grandi e feroci di quelli di acqua dolce, che già non sono amichevoli e alle cubomeduse, piccole da essere quasi invisibili, ma letali.

Gli australiani saranno anche abituati a fare surf tra gli squali, ma a me questi cartelli bastano e avanzano per tenermi al largo dall’acqua …

Per contro, Cairns, o meglio il suo centro, è molto raccolto, tutto si raggiunge a piedi, c’è una vivace vita notturna e i prezzi sono più abbordabili.

Come arrivare a Cairns

L’aeroporto di Cairns è praticamente in città, vicinissimo al centro e ai suoi alberghi, che si possono raggiungere con una economica corsa in taxi di 10/15 minuti, sempre che non si preferisca optare per un ancor più economico passaggio in autobus.

La stazione dei treni è in centro città, servita da autobus, ma, volendo, se non si è troppo carichi, ci si può muovere anche a piedi.

Cose da fare

A Cairns città in verità non c’è molto da fare se non una bella passeggiata sull’Espalanade di giorno e un giro per locali la sera, magari con una sosta al piccolo e turistico Night Market.

Se si desidera un po’ di cultura c’è il Tjapukai Aboriginal Cultural Park, che si trova a una ventina di minuti dal centro Cairns. E’ un’attrazione piuttosto gettonata poiché offre l’opportunità di scoprire la cultura aborigena attraverso spettacoli, visite guidate nel bush e performance di didgeridoo. Io però temevo fosse una sorta di zoo umano e ho preferito non visitarlo.

Come dicevo Cairns è un punto di partenza per diverse escursioni soprattutto verso barriera corallina, con gite in open water oppure su isole vicine come Green Island e Fitzroy Island oppure verso la foresta pluviale a Kuranda o a Cape Tribulation.

10 - Cairns_849
Prawn Star, Cairns – Quensland

Mangiare

L’Esplanade è un susseguirsi di locali perciò direi che c’è solo l’imbarazzo della scelta. Io posso consigliare alcuni posti dove sono stata e che mi sono piaciuti.

Prawn Star, ristorante che si trova su una barca da pesca ancorata al Pier dove partono anche le escursioni per la Barriera Corallina. Come suggerisce il nome, si mangiano gamberi, ma anche altri molluschi e conchiglie, crudi o cotti al vapore in modo molto semplice e spartano. Tutto è però molto buono e l’esperienza originale.

Raw Prawn Seafood Restaurant uno dei locali sull’Esplanade: siamo al mare e mi pare che la scelta di un ristorante specializzato in pesce sia la migliore, ce ne sono molti, io qui ci sono stata e mi è piaciuto.

Iyara by Sakare Thai Cusine: una buona cucina Thailandese in un locale molto molto carino, si trova anche questo sull’Esplanade ed è al primo piano di un edificio (ma è ben segnalato) e ha una bella terrazza da cui si vede il mare e le palme, ciò che noi ci aspettiamo da una destinazione tropicale!

10 - Cairns_843
Coral Tree Inn, Cairns – Quensland

Dormire

La scelta è ampia e per tutte le tasche dall’ostello al resort sulla spiaggia.

Io ho scelto una via di mezzo e mi sono trovata molto bene al Coral Tree Inn. Lo stile è quello di un motel ma si trova in centro, ha camere carine e pulite, si può consumare la colazione con un piccolo sovrapprezzo, c’è una reception efficiente e i prezzi sono molto competitivi … quindi un’ottima soluzione.

Quanti giorni

Dipende quali e quante sono le escursioni si intende fare, il mio personale consiglio è di almeno tre notti, dedicando una giornata all’escursione a Kuranda ed un’altra giornata a quella verso Cape Tribulation.

Quanto alla barriera corallina, l’ideale sarebbe scegliere un’isola per trascorrere due o tre giorni. Se non è possibile occorre aggiungere una ulteriore notte a Cairns per poter sfruttare una giornata sulla barriera: è assolutamente necessario, venire qui senza vedere una delle meraviglie del mondo non ha molto senso.

A tra qualche giorno per i dettagli su queste escursioni.

 

#cercounhashtagperviaggiare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...