Sri Lanka: Giorni 8-9-10, da Dambulla ad Anuradhapura

Dambulla è una piccola città nel bel mezzo dello Sri Lanka, famosa per il suo stadio internazionale di cricket e per il complesso montuoso di quarzo rosa ai cui piedi si trova. I turisti si fermano soprattutto per il tempio nella roccia, il Golden Temple of Dambulla, patrimonio dell’Unesco.

Pare siano più di ottanta le grotte che componevano questo enorme complesso templare anche se allo stato se ne possono visitare solamente cinque. Si supera il chiassoso ingresso kitsch e, facendosi largo tra i macachi, si giunge alle cinque grotte posizionate sotto una roccia sporgente. Sono tutte solcate da un piccolo canale di scolo che le tiene all’asciutto anche in caso di intemperie.

Lo scorso secolo le grotte sono state arricchite da colonnati all’entrata. Si ha quindi la sensazione di entrare in un tempio più che in una grotta. All’interno vi sono dipinti, ma soprattutto statue delle più varie fogge e dimensioni che rappresentano alcuni re cingalesi, ma soprattutto il Buddha. Il complesso è ancor oggi funzionante, ed è proprio questo a rendere ancor più suggestivo il luogo. Nessun turista in bermuda (di ciabatte nemmeno l’ombra visto che si entra solamente scalzi). Moltissimi invece i fedeli con le loro offerte votive.

Dopo Dambulla, il viaggio prosegue per l’antica Sigirya, un luogo fantastico. Si tratta di una antica città che contiene le rovine di un palazzo risalente al 400 dc. Ciò che rende meraviglioso questo luogo è che le rovine si trovano sulla sommità piatta di una collina. Occorre letteralmente arrampicarsi sui pendii sotto la roccia per giungere alla sommità. Il sistema di scale e passerelle avvantaggia la salita che, seppur con qualche sforzo, può essere compiuta da tutti. Meglio sarebbe evitare il sol leone!

In ogni caso, lo sforzo è ripagato dalla vista del Palazzo con la famosa porta dei Leoni e dai bellissimi affreschi e soprattutto, una volta raggiunta la cima, dallo stupendo panorama sulla piana sottostante. L’estensione delle mura dei giardini può essere apprezzata solo dall’alto.

La giornata si conclude ad Habarana. Stasera poi va di lusso. Per un paio di notti alloggiamo al Chaaya Village, un piccolo Resort con bungalow in mezzo al verde, una bella piscina e un buon ristorante. Quindi relax completo.

La mattina successiva partecipiamo ad una escursione chiamata “Hiriwadunna Trekking”. Hiriwadunna è un piccolo villaggio a pochi chilometri da Habarana. Il “trekking” non consiste in realtà in una faticosa camminata con pedule e terreno scosceso. Si tratta piuttosto di un insieme di piccole esperienza nei dintorni che però consentono di farsi un’idea della vita rurale. L’importante e che questi trekking, all’apparenza un po’ turistici, sono in realtà sono organizzati dai locali proprio per finanziare gli abitanti dei villaggi che in qualche modo partecipano alla “coreografia” del tour.

Dall’albergo ci accompagnano verso il fiume, dove veniamo imbarcati su piroghe che scivolano silenziose sull’acqua e dalle quali dove si possono osservare uccelli, flora acquatica e persone al lavoro. Scendiamo in una radura e visitiamo un villaggio. Beviamo latte di cocco dopo aver imparato a tagliare una noce. Dopo la pausa è la volta di un altro villaggio che raggiungiamo a bordo di carri trainati da buoi. Alla fine si è trattato di una esperienza molto piacevole.

11 - Habarana 73

Nel pomeriggio torniamo alle cose serie e ci dirigiamo al sito archeologico di Polonnaruwa, antica capitale dello Sri Lanka e tra i siti meglio conservati dello Sri Lanka, anche questo patrimonio dell’Unesco. L’area è piuttosto estesa e occorre un mezzo per visitarla. Se non si ha l’auto, si possono noleggiare biciclette o tuk tuk. Meglio avere gambe e spalle coperte poiché in alcuni luoghi (dove peraltro si accede scalzi) non si può entrare troppo scoperti.

E’ un monumento bellissimo, direi imperdibile. In particolare, il corpo centrale della città è ricco di edifici molto ben conservati Tra questi spicca l’antico Palazzo, che vede nella sala delle udienza, con le belle sculture raffiguranti leoni ed elefanti, una delle opere più raffinate. Altro punto significativo è il Gal Vihara. 4 statue intagliate nella roccia a raffigurare Buddha in quattro diverse posizioni. Quella in piedi raggiunge un’altezza di 7 metri.

Il giorno seguente lasciamo Habarana e ci dirigiamo verso Anuradhapura l’ultima delle antiche Capitali che andremo a visitare. E’ una città antichissima. Vi sono tracce che risalgono al 500 ac. Si tratta di un luogo molto importante sia per induisti che per buddhisti, che costruirono i grandi complessi monastici che ora rappresentano attrazioni turistiche. Qui infatti le rovine sono costituite da antichi monasteri e soprattutto dai Dagoba, edifici a forma di campana interamente costruiti di mattoni. Anzi, uno di questi è tuttora il più altro edificio in mattoni del mondo. Il luogo è molto bello, non solo per la magnificenza e grandezza dei monumenti, ma soprattutto per la loro unicità. Mai visti altrove.

image

image

image

A una quindicina di chilometri da Anuradhapura sorge la cittadina di Mihintale. E’ una località religiosa. C’è un grande stupa sulla collina alla cui base si trova l’antico ospedale. Da qui si sale attraverso una serie di gradinate, intervallate da piccoli stupa, statue e naturalmente immancabili bancarelle. Prima di ritirarci, ultima visita ad un giardino botanico dove le spezie vengono lavorate per trasformarle in cosmetici e profumi. Bello vedere che il pepe è un grande albero e non cresce in grani nei vasetti del supermercato.

Assistiamo anche ad una serie di dimostrazioni ed a malapena mi trattengo dall’acquistare la miracolosa crema anti-cellulite.

Trascorriamo due notti ad Anuradhapura, presso il Palm Garden Village. Anche questo un piccolo villaggio con bungalow in muratura si trova in un bellissimo giardino tropicale con una delle piscine più grandi che abbia mai visto. Niente di lussuoso, ma molto piacevole e rilassante.

Questo slideshow richiede JavaScript.

#cercounhashtagperviaggiare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...